Dalle matite che fioriscono alle “bombe di semi”, a San Valentino il regalo è green

Fonte: Repubblica.it – Non solo festa degli innamorati ma anche amore per la sostenibilità ambientale: ecco come il 14 febbraio può diventare un’occasione per svaghi e regali che aiutano a salvaguardare la natura120953467-451d4d21-b066-4150-86fc-0325df217318

REGALANDO un albero che crescerà in un Paese a migliaia di chilometri di distanza si partecipa all’estrazione di una notte nell’incantevole collina Toscana, appena fuori Firenze, nella casa progettata dall’architetto Riccardo Barthel, arroccata su tronchi di pino. Si può scegliere tra un mango in Kenya, albero della felicità, oppure, per esprimere dolcezza, un cacao ad Haiti o, come simbolo di tenerezza, il karité in Burkina Faso o, in Senegal, l’anacardo, il frutto a forma di cuore che simboleggia l’amore. In dieci anni questi compenseranno una quantità certificata di anidride carbonica. L’idea è di Treedom, azienda di ragazzi che lavora sul riequilibrio della Co2 nel mondo: con il karité, per esempio, si assorbono 450 kg di anidride carbonica, quanta ne produce in media una persona in 34 giorni. Grazie alla geolocalizzazione si può seguire lo sviluppo del proprio albero.

Un altro pensiero a costo zero che racchiude tanto romanticismo sono le “bombe di semi”, meglio se rosse e a forma di cuore. Con pochi euro è possibile produrre artigianalmente questi composti di argilla, terriccio ricco e una manciata di semi, che “lanciate” nei luoghi più spogli delle città creano in poche settimane dei veri angoli di fiori e vegetazione. Le sementi devono essere quelle di facile attecchimento, come il girasole, il basilico, la zinia, la melissa, la lavanda o la calendula. In alternativa all’argilla si può usare anche la carta di giornale o il letame maturo e, con coloranti naturali e stampini, ecco pronta una dolce munizione per la guerrilla gardening, anche in coppia. 120951915-353ae6b3-2179-46e4-997c-535d6606f254

Ditelo con i fiori, anzi con le matite. La Confederazione italiana agricoltori ha stimato che ogni anno il 14 febbraio le rose vendute sono circa 15 milioni, il 70% dei fiori acquistati quel giorno. La loro produzione però non sempre è ecosostenibile. Come denunciato nel 2013 da David Harper, biologo dell’università britannica di Leicester, il Kenya, terzo produttore mondiale di fiori recisi, sta distruggendo l’ecosistema del lago Naivasha a causa di uno sfruttamento fuori controllo delle risorse idriche. Ecco perché al posto del tradizionale mazzo di rose, un dono originale ed ecocompatibile possono essere le Sprout, semplici matite colorate che quando arrivano alla fine, invece di essere buttate nella spazzatura, continuano a vivere germogliando e trasformandosi in piante. Pomodorini, menta, coriandolo, nontiscordardimé e tante altre erbe cresceranno dall’ultima parte della lapis, dove è custodito un seme. Ci sono 12 varietà e nel 2013 e 2014 questo oggetto di uso comune è stato partner della Giornata della Terra.

Per una gita a Napoli ogni scusa è buona. Ma il giorno degli innamorati può diventare il pretesto per uno speciale giro della città, pedalando in tandem, così da unire attività fisica insieme al partner, storia dei luoghi ed enogastronomia. Bike Tour Napoli ha organizzato per sabato 14 due appuntamenti: alle 10 e alle 19. Il gruppo partirà dalla stazione di Mergellina per continuare nel centro storico, passando per Castel dell’Ovo e finendo con l’aperitivo in un’enosteria nei vicoletti di Chiaia. Durante la pedalata ci saranno soste nei luoghi più evocativi della città, per ascoltare aneddoti e leggende amorose in “salsa napoletana”. Una su tutte, quella della fondazione della città nata dalla passione proibita tra Parthenope e Cimone che, per fuggire dal padre di lei, lasciarono la Grecia diretti verso lidi inesplorati. E così giunsero nella nuova terra dove la natura cominciò a produrre una florida vegetazione.

Per tuttele altre foto ecco il link

Advertisements
  1. Leave a comment

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: